Per informazioni o per la tua prima consulenza gratuita, scrivi una mail a homeconciergeroma@gmail.com
oppure chiama 388 47 90 762

© 2015-2018 By Homeconcierge.it

www.homeconcierge.it  homeconciergeroma@gmail.com 

p.iva 13985601007

Soc.Unico

privacy policy here

Contattaci per la Tua 
Prima Consulenza!

Aggiornamenti in tempo reale sulla Nuova Normativa Regione Lazio per Strutture ricettive extra-alberghiere

Nuovo Regolamento Strutture Ricettive extra-alberghiere Lazio: ecco le modifiche in corso..

L'odissea del Nuovo Regolamento per le Strutture Ricettive Extra-alberghiere della Regione Lazio e soprattutto per i proprietari/gestori di tali strutture non è ancora finita.

Pochi giorni fa la notizia che il Regolamento era stato modificato accettando alcune proposte tra le quali ricordiamo le principali:

1. Codice identificativo delle strutture

2. Aumento delle sanzioni

3. Bollino di qualità a seguito di formazione specifica nel settore

 

Altre proposte che sembrano esser state accettate sono:

la capacità di ospitare delle strutture extra-alberghiere, considerata sia secondo il parametro dei posti letto che secondo quello della cubatura. Approvata anche un’osservazione di Giampaolo Manzella (Pd), che esprime la preoccupazione di evitare il fenomeno della duplicazione delle insegne con quelle di strutture già esistenti e una dei consiglieri del Movimento 5 stelle Gianluca Perilli e Gaia Pernarella tesa a introdurre l’obbligo di produrre statuto e certificazione antimafia per i B&B.

 

In tutti questi casi, Smeriglio ha dato parere favorevole con la riserva di cercare una formulazione che sia coerente con l’impianto complessivo del regolamento.

Nuovo Regolamento Strutture Ricettive Lazio - mercoledì 12/04 Nuovo Consiglio Regionale

Nuovo Regolamento Strutture Ricettive Lazio - mercoledì 12/04 Nuovo Consiglio Regionale

L'odissea del Nuovo Regolamento per le Strutture Ricettive Extra-alberghiere della Regione Lazio e soprattutto per i proprietari/gestori di tali strutture non è ancora finita.

Pochi giorni fa la notizia che il Regolamento

COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI E SPECIALI

All'ordine del giorno, dopo il via libera alla proposta di legge sull'istituzione del servizio civile regionale, restano da esaminare lo schema di deliberazione n. 199 “Modifica al regolamento regionale del 7 agosto 2015 n. 8 ‘Nuova disciplina delle strutture ricettive extra-alberghiere'” e lo schema di deliberazione n. 200 “Individuazione delle aree economiche e professionali per la costituzione dei poli tecnico professionali nell'ambito del piano territoriale triennale per l’istruzione e la formazione tecnica superiore – Programmazione regionale 2016 -2018 istruzione tecnica superiore di cui alla Dgr n. 523 del 13 settembre 2016”.

 

Ci sarà quindi da aspettare ancora un po per tutti gli operatori del settore, e per i nuovi che invece vogliono avventurarsi in questo business.


Se nel frattempo non si cosa fare, contattaci via mail o via telefono, trovi i contatti qui,

per capire come orientarti già prima dell'emanazione definitiva. 
In alcuni casi potrebbe essere conveniente anche aprire subito la tua struttura, chiedendo una regolare SCIA prima che entri in vigore il Nuovo Regolamento.

era stato modificato accettando alcune proposte tra le quali ricordiamo le principali:

1. Codice identificativo delle strutture

2. Aumento delle sanzioni

3. Bollino di qualità a seguito di formazione specifica nel settore

 

Altre proposte che sembrano esser state accettate sono:

la capacità di ospitare delle strutture extra-alberghiere, considerata sia secondo il parametro dei posti letto che secondo quello della cubatura. Approvata anche un’osservazione di Giampaolo Manzella (Pd), che esprime la preoccupazione di evitare il fenomeno della duplicazione delle insegne con quelle di strutture già esistenti e una dei consiglieri del Movimento 5 stelle Gianluca Perilli e Gaia Pernarella tesa a introdurre l’obbligo di produrre statuto e certificazione antimafia per i B&B.

 

In tutti questi casi, Smeriglio ha dato parere favorevole con la riserva di cercare una formulazione che sia coerente con l’impianto complessivo del regolamento.

In anteprima la bozza del Nuovo Regolamento Regione Lazio per attività ricettive extra-alberghiere

In anteprima la bozza del Nuovo Regolamento Regione Lazio per attività ricettive extra-alberghiere

Di seguito un estratto delle modifiche più rilevanti rispetto al precedente Regolamento TUR_RR_08_07_08_2015:

  • ART. 3: abrogato. Di fatto non si parla più di case vacanze non imprenditoriali e dei relativi periodi di chiusura.

  • ART. 7: da n.3 strutture in poi, la gestione diventa "imprenditoriale", cioè con obbligo di p.iva (ditta individuale o società)

  • ART. 9: specifica in  maniera chiara che i Bed & Breakfast possono avere massimo n.3 camere a disposizione per gli ospiti

  • ART 12 bis (Inserito)

  • ART. 14: nuove modalità di presentazione della SCIA

  • ART. 17 specifica meglio gli obblighi del titolare o gestore della SCIA

  • ART. 18 Adeguamento alla nuova normativa entro il 31/12/2017

In sintesi rispetto al precedente Regolamento le modifiche principali, come previsto, riguardano le case vacanze non imprenditoriali o cav non imprenditoriali.

 

Il Nuovo Regolamento quindi permette la possibilità di avere/gestire fino a n.2 con locazione turistica (L.T.), cioè senza gli oneri, soprattutto economici, derivanti dall'apertura di una p.iva o meglio di una società.

 

Quindi a quanto pare la scelta possibile, molto limitata, è tra LT (locazione turistica) fino a 2 appartamenti, dal terzo in poi c'è l'obbligo di p.iva e si parla di casa vacanza.

 

Se vuoi scaricare il testo completo del Nuovo Regolamento, inserisci la tua mail e lo riceverai subito GRATIS.

Se non lo ricevi, controlla la cartella spam, potrebbe essere finito lì.

clicca qui ---> TESTO COMPLETO

Di seguito un estratto delle modifiche più rilevanti rispetto al precedente Regolamento TUR_RR_08_07_08_2015:

  • ART. 3: abrogato. Di fatto non si parla più di case vacanze non imprenditoriali e dei relativi periodi di chiusura.

  • ART. 7: da n.3 strutture in poi, la gestione diventa "imprenditoriale", cioè con obbligo di p.iva (ditta individuale o società)

  • ART. 9: specifica in  maniera chiara che i Bed & Breakfast possono avere massimo n.3 camere a disposizione per gli ospiti

  • ART 12 bis (Inserito)

  • ART. 14: nuove modalità di presentazione della SCIA

  • ART. 17 specifica meglio gli obblighi del titolare o gestore della SCIA

  • ART. 18 Adeguamento alla nuova normativa entro il 31/12/2017

In sintesi rispetto al precedente Regolamento le modifiche principali, come previsto, riguardano le case vacanze non imprenditoriali o cav non imprenditoriali.

 

Il Nuovo Regolamento quindi permette la possibilità di avere/gestire fino a n.2 con locazione turistica (L.T.), cioè senza gli oneri, soprattutto economici, derivanti dall'apertura di una p.iva o meglio di una società.

 

Quindi a quanto pare la scelta possibile, molto limitata, è tra LT (locazione turistica) fino a 2 appartamenti, dal terzo in poi c'è l'obbligo di p.iva e si parla di casa vacanza.

 

Se vuoi scaricare il testo completo del Nuovo Regolamento, inserisci la tua mail e lo riceverai subito GRATIS.

Se non lo ricevi, controlla la cartella spam, potrebbe essere finito lì.

clicca qui ---> TESTO COMPLETO

Il Vice Presidente della Regione Lazio anticipa alcuni punti del nuovo regolamento del settore extra-alberghiero

Ieri, in occasione dell'evento "Lazio: Emozioni fuori porta", organizzato dalla Regione Lazio, al quale è intervenuto anche il Presidente Zingaretti, il Vice Presidente della Regione, Massimiliano Smeriglio, ha annunciato che entro 30/40 giorni, sarà approvato il nuovo regolamento del settore extra-alberghiero.

Tra i punti chiave ci saranno la lotta all'abusivismo e la semplificazione amministrativa, come:

1.semplificazione delle procedure burocratiche

2.banca dati a disposizione degli utenti e delle autorità preposte ai controlli

3.assegnazione di un codice identificativo per ogni struttura

Nuovo Regolamento Strutture Ricettive Extra-alberghiere Regione Lazio

aggiornamento 01 Giugno 2017

In anteprima la Bozza del Nuovo Regolamento Strutture Ricettive Extra-alberghiere della Regione Lazio.


E' il caso di dire che "la montagna ha partorito il topolino"...

Ci sono molte novità, alcune annunciate, altre inaspettate.

 

Per scaricare la bozza della nuova normativa, iscriviti alla nostra newsletter e riceverai la bozza del pdf, fallo subito è GRATIS 

 

=====> si, voglio iscrivermi

Tra le maggiori novità reintrodotte, alcune inaspettate e altri dietrofront, i punti salienti sono questi:

Bed and Breakfast

- massimo n.3 camere da letto da destinare agli ospiti

- massimo n.8 posti letto totali

Case e Appartamenti per Vacanze

- gestite in forma imprenditoriale o NON IMPRENDITORIALE

Altre forme di ospitalità: Alloggi per uso turistico

- non soggetti a classificazione

- situati in immobili adibiti ad abitazioni o parti di esse

- dotate di soggiorno con annesso angolo cottura o cucina

- "in grado di offrire in modo OCCASIONALE, NON ORGANIZZATO e NON IMPRENDITORIALE, forme di ospitalità senza PRESTAZIONI DI SERVIZI ACCESSORI O TURISTICI ulteriori rispetto a quelli già in uso nell'abitazione.

Altre forme di ospitalità: Alloggi per uso turistico

- non soggetti a classificazione

- situati in immobili adibiti ad abitazioni o parti di esse

- dotate di soggiorno con annesso angolo cottura o cucina

- "in grado di offrire in modo OCCASIONALE, NON ORGANIZZATO e NON IMPRENDITORIALE, forme di ospitalità senza PRESTAZIONI DI SERVIZI ACCESSORI O TURISTICI ulteriori rispetto a quelli già in uso nell'abitazione.

Airbnb incontra le istituzioni della Regione Lazio in attesa della pubblicazione ufficiale sul Bollettino Regionale del Nuovo Regolamento Strutture ricettive extra-alberghiere Regione Lazio

COSA CAMBIA DAVVERO?

B&B 

Rispetto a prima c'è il limite delle 3 camere e degli 8 posti letto massimi per alloggio

 

Case e Appartamenti per Vacanze

Qui il dietrofront è stato molto importante, anche a seguito della sentenza del TAR e, aggiungiamo, alla mobilitazione generale delle associazioni di categoria.

Di fatto la regione ha reintrodotto la possibilità per chi ha fino a 2 appartamenti, di gestirli in forma non imprenditoriale, tradotto senza obbligo di partita IVA, possibilità era stata sospesa da Giugno 2016 proprio dopo la famosa sentenza del TAR.

Altre forme di ospitalità: Alloggi per uso turistico

La Regione annovera gli "Alloggi per uso turistico" nella sezione Altre forme di ospitalità,

specifica anche che è possibile gestirne fino ad un massimo di 2 appartamenti, non è ben chiaro cosa succeda

per chi abbia intenzione di gestirne più di due, c'è l'obbligo di passare a casa vacanza imprenditoriale? 

C'è l'obbligo di aprire partita iva rimanendo nell'ambito delle locazioni turistiche?

Sicuramente queste imprecisioni causeranno ulteriori problemi,

ma per ora le associazioni di categoria si ritengono abbastanza soddisfatte.

Staremo a vedere l'evolversi della materia.

Per qualsiasi info sopra la normativa, o sul come avviare una struttura ricettiva extra-alberghiera o locazione turistica,

contattaci per una prima consulenza gratuita.

 



 

Il settore degli affitti turistici o in generale degli affitti a turisti, "tira" di questo se ne sono resi conto tutti.

Proprio in virtù di quanto sopra, domani 07 Giugno presso la sede Luiss Enlabs, Termini - via Marsala 29/h).

 

Si tratta di un incontro di confronto della comunità di host con Elisabetta Longo, direttrice della Direzione regionale Formazione Ricerca e Innovazione del Lazio. Il vicepresidente della Regione Massimiliano Smeriglio è stato invitato per un saluto istituzionale. Ospite d’eccezione sarà, direttamente da San Francisco, Chris Lehane, Head of Global Policy and Public Affairs di Airbnb, con cui si discuterà del presente e del futuro dell’home sharing. 

La presenza dei vertici del colosso americano non è casuale, basti pensare che l'Italia attualmente è il terzo mercato di Airbnb sia in termini di listing (cioè numero di affitti totali presenti sul portale Airbnb per l'Italia) sia in quelli di fatturato e le previsioni parlano di crescita a doppia cifra..

 

Per scaricare la bozza della nuova normativa, iscriviti alla nostra newsletter e riceverai la bozza del pdf in anteprima, fallo subito è GRATIS 

 

=====> si, voglio iscrivermi

 



 

Nuovo Regolamento Strutture Ricettive Extra-alberghiere Regione Lazio

aggiornamento 08 Giugno 2017

Come sopra preannunciato, ieri si è tenuto l'incontro con Chris Lehane, Head of Global Policy and Public Affairs di Airbnb
e con Paolo Giuntarelli dirigente dell'Assessorato al Turismo della Regione Lazio avente come Tema:

Nuovo regolamento extralberghiero Regione Lazio (terzo mercato in Italia per Airbnb)

Tra le Novità emerse delle quali abbiamo ampiamente parlato sia in questa sezione che qui:

- Codice Identificativo per tutti quelli che sono in regola e dovrà necessariamente essere visibile sull'annuncio altrimenti verrai considerato abusivo.

- Radar (comunicazione flussi turistici): dovranno farlo tutti gli host senza più esclusioni

- Si potranno avere fino a due case in locazione turistica senza partita iva e bisognerà essere occasionalinon organizzati e non imprenditoriali

- "Casa del camminatore": per chi ha casa lungo uno dei "Cammini" della Regione Lazio

- Abolizione dei periodi di chiusura per b&b 

- Si potranno riaprire b&b non imprenditoriali, come prima delle modifiche al vecchio regolamento poi annullate dalla sentenza del TAR

- Sostituiti d'imposta: Airbnb è pronta ad un braccio di ferro legale con gli avvocati poiché ritiene la legge in contrasto con altre norme nazionali 

 

Per scaricare la bozza della nuova normativa, iscriviti alla nostra newsletter e riceverai la bozza del pdf in anteprima, fallo subito è GRATIS  =====> si, voglio iscrivermi, è GRATIS

Nuovo Regolamento Strutture Ricettive Extra-alberghiere Regione Lazio

aggiornamento 08 Giugno 2017

Nuovo Regolamento Strutture Ricettive Extra-alberghiere Regione Lazio

aggiornamento 08 Giugno 2017

Nuovo Regolamento Strutture Ricettive Extra-alberghiere Regione Lazio

aggiornamento 20 Giugno 2017

Nuovo Regolamento Strutture Ricettive Extra-alberghiere Regione Lazio

aggiornamento 20 Giugno 2017

Sotto la lente dell’Agcm (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) la Nuova Disciplina nel Lazio delle strutture ricettive extralberghiere

di seguito un articolo estratto dal Sole24ore

Le attività di bed and breakfast e Casa vacanza nel Lazio sono ancora alla ricerca di una definizione, che non ostacoli l’accesso a tale attività economica e lasci che sia soprattutto l’incrocio tra domanda e offerta a determinare la realtà di questo settore. L’Agcm risponde alla richiesta di parere motivato avanzata dalla Regione Lazio sulla proposta di modifica del Regolamento n. 8 del 2015, che era già stato oggetto dei rilievi dell’Authority e della bocciatura del Tar Lazio.

I rilievi precedenti
I punti già posti all'indice sono stati corretti, cioè abrogati dalla Regione, ma in maniera troppo chirurgica secondo l’Agcm:

Si tratta cioè della disciplina dei periodi di chiusura, del potere di Roma Capitale di individuare zone del proprio territorio da destinare all'apertura di Ostelli, della durata minima dei contratti di affitto per le Case Vacanza, della metratura minima obbligatoria di alcuni spazi e degli obblighi di adeguamento strutturale. 
Ma come fa notare l’Antitrust tali tagli alla vecchia normativa non chiudono definitivamente il giudizio di anticoncorrenzialità del regolamento laziale che di fatto lascia in vita norme simili a quelle cancellate.

Le nuove criticità 
Nel nuovo parere vengono perciò individuate le nuove criticità che il Legislatore regionale dovrà correggere entro 60 giorni. 
Si tratta di sei punti del documento che corrispondono ad altrettante prescrizioni da parte dell’Agcm.
1. Imposizione di requisiti dimensionali minimi

La bozza elimina, per alcune tipologie di strutture l'obbligo di disporre di soggiorno minimo o sala comune di 14 metri quadrati. Ma ne mantiene altri come la metratura minima obbligatoria di alcuni spazi, imponendo così onerosi, a volte materialmente impossibili, obblighi di adeguamento anche a strutture esistenti. L’Agcm dice che il proprio parere precedente faceva riferimento alla metratura minima del soggiorno, ma a titolo di esempio e non come unica ipotesi di restrizione dimensionale concorrenzialmente ingiustificata.

 

L’Agcm cita il Tar Lazio, che aveva evidenziato l'irragionevolezza di applicare i vincoli dimensionali contenuti in regolamenti edilizi su alloggi destinati «a ordinarie finalità abitative» per «alloggi destinati non già ad una ospitalità stabile e, quindi durevole, quanto piuttosto fugace».


2. Forme di intervento autoritativo pubblico nell'economia

 L’Agcm indica anche un ripensamento sui numerosi requisiti funzionali imposti alle strutture extralberghiere ancora presenti nella nuova bozza di regolamento. Secondo l’Agcm, al pari di quelli strutturali, potrebbero al più essere previsti solo per strutture di maggior pregio, così da differenziarle da quelle di categorie inferiori. Ad esempio, viene messo all’indice il nuovo obbligo di dotarsi di soggiorno per alloggi per uso turistico.


3. Case per ferie

Anche per recenti segnalazioni ricevute l’Authority coglie l'occasione per evidenziare la restrittività concorrenziale delle regole di ricettività delle Case per ferie. Queste definite dalla bozza «come strutture gestite “al di fuori dei normali canali commerciali e promozionali”, da soggetti che operano senza fini di lucro per perseguire finalità sociali, culturali, educative, assistenziali, religiose o sportive» di fatto sono illegittimamente escluse dalla possibilità di pubblicizzarsi e promuoversi in piena concorrenza.

 


4. Divieto di somministrazione

Illegittima la limitazione prevista solo per Case vacanza e alloggi turistici (non anche per le altre tipologie di strutture extralberghiere) che impedisce la somministrazione di alimenti e bevande, come viene stigmatizzato il divieto di home restaurant nelle Case vacanze. 


5. Occasionalità

L'imposizione del requisito dell'occasionalità costituisce un limite ingiustificato, in quanto viene così precluso a tali strutture di offrire l'attività ricettiva in via principale o esclusiva, privando anche in tal caso l'operatore della libertà di definire autonomamente come e in che misura organizzare la propria attività economica. Stesso rilievo negativo fa l’Agcm sul divieto di offrire servizi accessori


6. Imprenditorialità

Per quanto riguarda i bed and breakfast la bozza di regolamento non passa il vaglio dell’Authority dove prevede l'esercizio unicamente in forma non imprenditoriale.

Insomma, ancora non è chiaro quello che succederà, alcuni dicono però che oggi 20/06/2017 sarà ufficialmente pubblicato in Gazzetta Regionale il Nuovo Regolamento Strutture Ricettive Extra-alberghiere di Roma...

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle ultime news in materia, iscriviti qui
 

Nuovo Regolamento Strutture Ricettive Extra-alberghiere Regione Lazio

pubblicato oggi il testo definitivo sul BURL - 20 Giugno 2017

Finalmente ci siamo,

dopo quasi un anno di attesa, anticipazioni e smentite, una lunga ed estenuante lotta delle Associazioni di Categoria, è stato finalmente pubblicato sul BURL la "Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere"

 

Ci sono importanti NOVITÀ', alcune delle quali vi abbiamo già anticipato durante questa lunga attesa..

Fra le principali c'è l'introduzione di un CODICE IDENTIFICATIVO per TUTTE le STRUTTURE (anche per le Locazioni Turistiche)

Si riporta di seguito l'articolo:

4. Al fine di assicurare la tutela del turista, favorire la sicurezza del territorio e
contrastare forme irregolari di ospitalità è istituita, presso l’Agenzia regionale del
Turismo, una apposita banca dati nella quale sono inserite le strutture ricettive
extralberghiere e gli alloggi per uso turistico operanti sul territorio regionale ai quali è
assegnato un codice identificativo da utilizzare in ogni comunicazione inerente l'offerta e
la promozione dei servizi all'utenza. La banca dati è messa a disposizione dell’utenza
nonché delle autorità preposte ai diversi controlli e pubblicata sul sito dell’Agenzia
regionale del turismo.


5. La Regione, entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del presente
Regolamento, con apposita deliberazione della Giunta regionale, stabilisce le modalità
per la gestione della banca dati e le modalità di utilizzo del codice identificativo da parte
delle strutture e degli alloggi di cui al comma 4 che, attraverso le piattaforme elettroniche,
anche gestite da terzi, utilizzano i servizi di intermediazione, prenotazione e
pubblicizzazione turistica da offrire.”

Per scaricare il Testo completo del Nuovo Regolamento vai qui,

lascia la tua mail e ti verrà mandato immediatamente il link

al testo.

________________________________________________________________________________

Che cosa succede quindi ora?

Hai una struttura e vuoi regolarizzare la tua posizione per evitare pesanti sanzioni, anche penali?

Sei in procinto di avviare una struttura ricettiva extralberghiere e non sai bene come muoverti?

Contattaci via mail o via tel e prenota la Tua prima Consulenza GRATUITA, 

poi sarai libero di scegliere cosa fare!