Per informazioni o per la tua prima consulenza gratuita, scrivi una mail a homeconciergeroma@gmail.com
oppure chiama 388 47 90 762

© 2015-2018 By Homeconcierge.it

www.homeconcierge.it  homeconciergeroma@gmail.com 

p.iva 13985601007

Soc.Unico

privacy policy here

Contattaci per la Tua 
Prima Consulenza!

CILA - Comunicazione Inizio Lavori Asseverata

La CILA/ CIL asseverata è una pratica amministrativa per lavori di manutenzione straordinaria, introdotta con la legge n.73 del 2010, che ha di fatto modificato l’art. 6 comma 2 lettera A e comma 7 del D.p.r 380/2001 consente di eseguire gli interventi di cui all'art. 5 comma 2 della suddetta legge.

 

La differenza tra CIL e CILA sta nella natura degli interventi. In linea generale quando si interviene sulle finiture ed i rivestimenti interni, si tratta di manutenzione ordinaria, quindi si ricade nella più semplice CIL.

 

La demolizione e/o la costruzione di tramezzi e la variazione degli ambienti ricade in manutenzione straordinaria quindi è necessaria la CILA.

La CILAComunicazione di inizio lavori asseverata, a differenza della CIL (Comunicazione inizio lavori), richiede l’intervento di un professionista abilitato, che alleghi la seguente documentazione:

  • stato dei luoghi ante, post ed intra operam;

  • relazione asseverata, che attesti la conformità dell’intervento ai requisiti normativi

  • DURC dell’impresa esecutrice dei lavori (eventuale)

  • dati catastali dell’immobile, acquisibili anche mediante delega del proprietario

  • dati proprietario immobile: documento identità e codice fiscale​

I lavori edilizi possono iniziare immediatamente dopo la consegna della pratica. Sono previsti oneri fissi relativi ai diritti di segreteria, che possono variare in relazione al comune (i diritti di istruttoria del Comune di Roma, sono una buona indicazione di ciò che vale anche per i comuni della provincia).

La CILA consente: 

1) Interventi di manutenzione ordinaria (alcuni realizzabili anche mediante semplice CIL) :

  • Opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni

  • Intercapedini interamente interrate e locali tombati

  • Installazione di pannelli solari e fotovoltaici

  • Lavori atti all'eliminazione delle barriere architettoniche

 

Tra le opere più comuni, ci sono:

  •  Demolizione di alcune partizioni interne con nuova distribuzione degli spazi più funzionali;

  • Creazione di nuovi locali igienici o tecnologici con rifacimento degli impianti;

  • Spostamento di vani porte interne o realizzazione di spazi distributivi/ disimpegni;

  • Realizzazione di nuove camera da letto;

  • Riparazione grondaie, comignoli, parapetti, vetrine;

  • Sostituzione intonaci e tinteggiature. 

2) Interventi di manutenzione straordinaria

Ad esempio come l’apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne, che non comportino l'aumento del numero delle unità immobiliari e non implichino l'incremento dei parametri urbanistici;

Sono incluse le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino la volumetria complessiva degli edifici e non comportino modifiche delle destinazioni d’ uso.

 

3) Interventi di frazionamento o di accorpamento di unità immobiliari con esecuzione di opere anche se comportanti la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari, nonché del carico urbanistico, purché non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga la destinazione d'uso originaria.

 

Tali tipologie di lavori costituiscono un quadro generale, ma nello specifico ogni comune e nel caso di Roma, praticamente quasi ogni municipio si riserva di interpretare, definire o implementare tale schema. Gli edifici vincolati, necessitano di approvazione anche per semplici interventi di manutenzione ordinaria, inoltre qualsiasi delle lavorazioni sopraelencate deve attenersi a quanto previsto dalla legislazione vigente e dai regolamenti comunali.

CILA in sanatoria: 

 

La Cila in sanatoria a Roma serve a sanare gli interventi edilizi di manutenzione straordinaria per i quali non è stata richiesta preventivamente la Cila.

Hai terminato dei lavori di ristrutturazione senza richiedere permessi al municipio di competenza o al comune di Roma? Vuoi sanare la planimetria catastale non uguale o conforme alla realtà?

A Roma è possibile regolarizzare le opere di manutenzione straordinaria ( spostamento dei tramezzi interni comprese le aperture di nuove porte o loro chiusura o la creazione di nuovi bagni) a patto che siano conformi agli strumenti urbanistici e rispettino i requisiti igienico sanitari del Comune di Roma.

In assenza di autorizzazione presentando una semplice comunicazione CILA ( Comunicazione inizio lavori asseverata) a sanatoria sarà possibile sanare tali opere, potrai quindi regolarizzare la non conformità’ della planimetria catastale ed avere il tuo immobile regolare sia urbanisticamente che catastalmente.

Sanzioni:

La CILA in sanatoria si può presentare previo pagamento della relativa sanzione pecuniaria che attualmente è:

  • CILA non presentata: € 1000,00 + tributi CILA ordinaria

  • CILA presentata a lavori già iniziati, ma non terminati: € 333,00 + tributi CILA ordinaria

In conclusione, presentando la CILA anche a lavori iniziati si risparmia più della metà della sanzione intera.

Moduli CILA Regione Lazio (validi in tutta la regione anche per il Comune di Roma)

Contattaci per una consulenza GRATUITA